La sezione bellinzonese del Partito Comunista si felicita per la decisione del Consiglio Comunale di Bellinzona che, nell’ambito del nuovo Regolamento Organico dei Dipendenti (ROD), ha approvato l’emendamento del nostro consigliere comunale Alessandro Lucchini, a favore di un aumento fino a 20 giorni del congedo paternità per i lavoratori comunali. E’ l’ulteriore dimostrazione del lavoro serio, costruttivo e mai urlato che svolge il Partito Comunista all’interno delle istituzioni democratiche.

Nel contempo ci rammarichiamo che il Partito Liberale Radicale (PLR) sia riuscito a imporre il blocco degli aumenti salariali per quei dipendenti le cui prestazioni sono giudicate insufficienti dai diretti superiori. E’ una forma di meritocrazia che nulla ha a che fare con una presunta “oggettività” e che si presta a ogni forma di abuso, ma che d’altrocanto ben dimostra gli interessi che i partiti borghesi rappresentano, cioè in opposizione ai diritti dei lavoratori.

Il ROD della Nuova Città presenta molto aspetti positivi per i dipendenti comunali e potrà fungere da esempio non solo per i lavoratori del settore pubblici degli altri comuni e del Cantone, ma che anzi dovrà essere alla base delle rivendicazioni sindacali nella giungla dell’economia privata.


  • L’intervento in aula del nostro consigliere comunale: leggi
CONDIVIDI