Una nuova Guerra Fredda contro la Cina è contro l’interesse dell’umanità

301

Prendiamo nota delle dichiarazioni e delle azioni sempre più aggressive da parte del governo degli Stati Uniti nei confronti della Cina. Esse costituiscono una minaccia per la pace mondiale e sono un ostacolo sul percorso dell’umanità verso la risoluzione di sfide comuni estremamente serie come i cambiamenti climatici, il controllo della pandemia, la discriminazione razzista e lo sviluppo economico.

Di conseguenza, crediamo che qualunque Nuova Guerra Fredda andrebbe totalmente contro gli interessi dell’umanità. Siamo invece a favore della massima cooperazione globale nell’affrontare le enormi sfide che abbiamo davanti come specie.

Chiediamo quindi agli Stati Uniti di fare marcia indietro rispetto a questa minaccia di una Nuova Guerra Fredda e rispetto alle altre pericolose minacce per la pace mondiale in cui sono coinvolti, tra cui: il ritiro dal Trattato INF (Intermediate-Range Nuclear Forces), l’uscita dall’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, nonché il loro crescente disimpegno rispetto agli organi delle Nazioni Unite. Gli Stati Uniti dovrebbero anche smettere di spingere altri paesi ad adottare queste posizioni pericolose.

Sosteniamo una relazione tra Cina e Stati Uniti basata sul dialogo e centrata sui temi comuni che uniscono l’umanità.

Primi firmatari:

  • Diane Abbott, deputata del Partito Laburista (Gran Bretagna)
  • Celso Amorim, già ministro della difesa (Brasile)
  • Chris Matlhako, secondo vice-segretario del Partito Comunista Sudafricano
  • Maite Mola, vice-Presidente del Partito della Sinistra Europea
  • Adolfo Pérez Esquivel, premio Nobel per la Pace (Argentina)
  • Yanis Varoufakis, già Ministro delle finanze (Grecia)
  • Ann Wright, colonello a riposo dell’esercito USA, membro di “Veterans for Peace”
  • ecc.

Aggiungiti anche te: https://nocoldwar.org/signatories/new

CONDIVIDI