Il governo usurpatore in Bolivia e i suoi crimini contro l’umanità

Anti-imperialisti e comunisti, individui e organizzazioni, di tanti paesi firmano questo appello partito dalla Svizzera

140

Dalle elezioni del 20 ottobre 2019, la Bolivia sta attraversando la peggiore crisi politica della sua storia. Il Tribunale elettorale ha confermato la vittoria di Evo Morales con il 47,08% dei voti espressi con una differenza di oltre il 10% (648.180 voti) sul candidato Carlos Mesa, sufficiente a vincere le elezioni al primo turno.

La prima accusa di frode da parte dell’OSA ha scatenato la violenza dei gruppi vandalici e mercenari dell’opposizione che hanno incendiato i tribunali elettorali dipartimentali e la sede del partito MAS-IPSP del Movimento Al Socialismo. Molte autorità come il sindaco di Vinto a Cochabamba, Patricia Arce, l’ex viceministro degli Affari interculturali Feliciano Vegamonte, il presidente della camera dei deputati Victor Borda, il ministro delle miniere Cesar Navarro e le loro famiglie sono stati rapiti e brutalmente attaccati costringendoli a dimettersi.

L’ammutinamento delle forze di polizia in tutto il Paese e le forze armate dell’esercito, hanno dato vita a una campagna di terrore contro il MAS, i cui membri sono stati minacciati, rapiti, torturati, le loro case bruciate in un clima di totale impunità, costringendoli a dimettersi in quanto autorità come il sindaco di Vinto a Cochabamba.

Dopo il suggerimento delle dimissioni da parte del comandante delle Forze armate, il presidente Evo Morales, ha deciso il 10 novembre di dimettersi sostenendo che questa decisione avrebbe messo fine alla violenza dell’opposizione e dei suoi gruppi vandalici e paramilitari come i “motoqueros”.

Una volta completato il colpo di Stato con le dimissioni di Evo Morales, si è scatenata la repressione da parte dei gruppi paramilitari sostenuti dalla Polizia e dalle Forze Armate, accusando i manifestanti che difendevano il loro governo, di essere vandali, estremisti e criminali. I social network e la stampa privata maggioritaria e quasi egemonica, hanno mantenuto una campagna di propaganda a favore del colpo di stato.

Il presidente del Comitato civico di Santa Cruz, Fernando Camacho, il principale leader delle bande paramilitari, ha minacciato i sostenitori del MAS, le autorità governative e gli uomini d’affari di Santa Cruz, simpatizzanti del governo di Evo Morales, di metterli in una lista di traditori nello stile del narcotrafficante Pablo Escobar in Colombia.

L’opposizione al governo del presidente Evo Morales ha formato delle milizie armate che hanno avuto l’appoggio aperto della polizia boliviana. Gruppi come l’Unión Juvenil Cruceñista, definito dalla Federazione Internazionale dei Diritti Umani come un gruppo paramilitare fascista, sono stati i principali esecutori della repressione.

I media delle organizzazioni contadine come la CSUTCB (Confederación Sindical Única de Trabajadores Campesinos de Bolivia), il cui direttore, José Aramayo, è stato legato a un albero e torturato, sono stati aggrediti e distrutti, così come i media delle organizzazioni sociali di base, le radio comunitarie (RPO), o BTV, il canale televisivo statale. Tutto questo per essere stati identificati come sostenitori del governo di Evo Morales.

Una lista di luoghi da bloccare è stata fatta circolare attraverso i social network, tra cui le sedi dei ministeri e di altre istituzioni statali, le residenze dei funzionari governativi e le missioni diplomatiche di Cuba e del Venezuela. A seguito di false accuse, gruppi violenti hanno iniziato le vessazioni permanenti di queste ambasciate e la costante persecuzione del loro personale diplomatico, fino a quando non sono stati in grado di lasciare il Paese. Queste azioni violente violano il diritto internazionale, la Convenzione di Vienna e altri trattati internazionali.

Come verificato dalle organizzazioni per i diritti umani che sono giunte nel Paese, il 15 novembre, una marcia di contadini delle sei federazioni del Tropico di Cochabamba è stata repressa militarmente a Sacaba causando nove morti e decine di feriti. Attraverso video registrati dai contadini stessi, è stato reso evidente l’uso delle armi da guerra. Le Forze Armate hanno agito quel giorno sotto la protezione del Decreto Supremo n. 4078, che ha permesso loro di utilizzare le armi da guerra senza ulteriori responsabilità.

La stessa cosa è successa a Senkata, El Alto, vicino a La Paz, causando la morte di almeno 10 persone e decine di feriti cinque giorni dopo. Le forze repressive composte dalla polizia e dalle forze armate hanno dichiarato di agire contro i terroristi che volevano provocare un’esplosione nella centrale del gas.

I vari movimenti sociali, gli ex membri del governo, i contadini e gli indigeni che manifestavano contro il colpo di stato, sono stati repressi in quei, con un totale di 35 morti e più di 800 feriti.

Il 25 novembre, membri del braccio paramilitare del governo usurpatore, hanno occupato la sede della Federazione dei lavoratori contadini di Santa Cruz per bruciare le loro attrezzature e la loro documentazione. Queste operazioni continuano ancora oggi. Venerdì 17 gennaio è stato segnalato che le antenne della compagnia ENTEL sono state eliminate in diverse province rurali che fornivano accesso ai servizi di comunicazione cellulare e radio.

Il 6 dicembre il governo usurpatore, ha approvato il Decreto Supremo n. 4100, il cui scopo era quello di risarcire le famiglie dei 35 morti e delle centinaia di feriti della polizia e della repressione militare, con la condizione che rinunciassero a portare il caso alle Nazioni Unite o ad altre organizzazioni per i diritti umani.

A questo proposito, la CIDH (Commissione Interamericana per i Diritti Umani) ha espresso la sua preoccupazione per il decreto, per l’inclusione di una clausola che renderebbe impossibile per le vittime fare appello agli organismi internazionali per denunciare i crimini di cui sono state vittime in violazione di trattati internazionali come il Trattato di Roma, che prevede il principio di non applicabilità degli statuti di prescrizione in caso di crimini contro l’umanità. La missione di osservazione della CIDHR, che ha raccolto numerose testimonianze dei massacri di Sacaba e Senkata, ha denunciato che in Bolivia non c’è garanzia di indipendenza della magistratura.

Persecuzioni, arresti arbitrari e minacce di morte contro le ex autorità del governo di Evo Morales, così come contro i leader delle organizzazioni sociali e del MAS, sono stati eventi quotidiani. La criminalizzazione della protesta sociale e l’operato di alcuni media è evidente.

Anche l’ufficio del difensore del popolo boliviano (ombudsman), ha subito molestie, soprattutto nella città di Cochabamba, sia negli uffici di questo ente che nelle case private dei suoi rappresentanti e delle loro famiglie.

Inoltre, le molestie permanenti all’ambasciata e alla residenza del Messico, violano tutte le convenzioni e gli accordi internazionali che proteggono le rappresentanze diplomatiche dei diversi Paesi. La mancata emissione di un salvacondotto per le persone che hanno richiesto l’asilo politico, che è stato concesso anche da quel paese, è una flagrante violazione dei diritti umani e politici delle persone.

Vale la pena sottolineare la persecuzione degli alti funzionari del governo Morales che si trovano al riparo nell’ambasciata messicana a La Paz e a cui viene negato un salvacondotto per lasciare il Paese, come il ministro della Presidenza, Juan Ramon Quintana; L’ex ministro Hugo Moldiz; il ministro della Cultura Wilma Alanoca; il governatore di Oruro Victor Hugo Vazquez; il direttore dell’e-government Nicolas Laguna; il ministro della Difesa Javier Zavaleta; il ministro della Giustizia Hector Arce, il ministro delle Miniere Cesar Navarro e altri.

E’ chiaro che le accuse contro le ex autorità fanno parte di una strategia di persecuzione politico- giudiziaria, chiamata Lawfare, che mira ad annullare la partecipazione politica del MAS-IPSP alle prossime elezioni previste per il 3 maggio.

Il ministro del governo usurpatore, Arturo Murillo, ha detto che andrà a caccia di membri del governo destituito del MAS. Ha reso pubblica la sua intenzione di portare Evo Morales alla Corte penale internazionale dell’Aia per crimini contro l’umanità, incolpandolo per i 35 morti, anche dopo le sue dimissioni e l’esilio dal Paese.

I massacri di Senkata, Sacaba, Huayllani, Ovejuyo, ecc. sono stati documentati da diverse organizzazioni internazionali per i diritti umani e da paesi amici. Le informazioni di prima mano raccolte da queste organizzazioni testimoniano la brutalità del colpo di Stato in Bolivia.

L’uso di aggettivi offensivi e denigratori a causa del loro contenuto discriminatorio è frequente da parte del governo usurpatore, come riferirsi a selvaggi, narcoterroristi, vandali, criminali, ecc. contro i membri del governo di Evo Morales e le organizzazioni sociali che lo sostengono, così come le missioni internazionali di osservazione dei diritti umani, l’ufficio del difensore civico, e anche i giornalisti, chiamandoli guerrieri digitali o terroristi informatici.

Murillo, celebra e si vanta della paura seminata nel popolo per mantenere la pace attraverso la brutalità poliziesca e militare contro la sovversione delle orde indigene e del MAS. Non tollereremo terroristi o sobillatori, li stiamo osservando, dice lui.

Il governo usurpatore imposto dalle violenze dei gruppi paramilitari e di polizia, così come dalle Forze Armate, ha eliminato i diritti fondamentali di protesta e di voto come aveva fatto durante i 180 anni della Repubblica coloniale ed emarginata.

Il governo usurpatore ha militarizzato il Paese e represso ogni tipo di protesta, facendo manifestazioni di forza con armi militari e da guerra nelle strade delle principali città della Bolivia.

L’argomentazione e l’appello alla minaccia terroristica, la denuncia dell’esistenza di nuclei sovversivi o di gruppi sediziosi armati, giustificano la necessità di creare Unità Speciali di Polizia per la lotta al terrorismo consigliate dal governo israeliano, come afferma lo stesso ministro fascista Murillo. Questa è la giustificazione per più violenza e brutalità repressiva dello Stato.

Si assicura l’esistenza di attività sediziose e terroristiche per giustificare la repressione, si garantisce l’impunità alle forze militari per massacrare gli indigeni, si militarizza il Paese e si fanno dimostrazioni di forza con l’uso delle armi da guerra.

La sistematica violazione dei diritti umani, delle libertà pubbliche e dei diritti e garanzie individuali è il risultato evidente dell’esistenza di un regime dittatoriale imposto da un colpo di Stato civile, di polizia e militare.

L’eliminazione di tutte le fonti di informazione indipendenti fa parte della strategia di implementazione di una censura mediatica.

Gli organismi per i diritti umani di tutto il mondo devono esercitare pressione per porre fine alle persecuzioni politiche e alla repressione guidate da bande paramilitari protette dalla polizia e dall’esercito.

Per i motivi di cui sopra:

Condanniamo il colpo di stato eseguito e finanziato dalle forze antidemocratiche della destra boliviana e da altre forze straniere che cercano di riprendere il controllo delle importanti risorse naturali del paese, come il Litio e il Gas.

Disapproviamo fortemente i messaggi di odio e razzismo, così come l’estrema violenza perpetrata dai sostenitori della destra radicale antidemocratica contro i popoli indigeni e contadini.

Condanniamo fermamente la Lawfare del governo fascista che ha messo in atto un perverso meccanismo di persecuzione politica attraverso il continuo linciaggio dei media, l’invenzione di cause legali e la violazione permanente di ogni convenzione, norma internazionale e costituzionale della Bolivia.

Esortiamo le Forze Armate e la Polizia Nazionale Boliviana a custodire e proteggere, soprattutto, la vita e la dignità di ogni persona in territorio boliviano, indipendentemente dalla sua affinità politica o nazionalità, nonché a rispettare l’immunità delle rappresentanze diplomatiche e a proteggere i loro funzionari, i richiedenti asilo e le loro strutture.

Chiediamo a tutte le forze democratiche di condannare questo violento colpo di Stato, così come le violazioni quotidiane che violano tutte le libertà individuali, sociali, giuridiche, culturali e politiche delle grandi masse.

Chiediamo alla Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite, sulla base dei rapporti, delle indagini e delle testimonianze della CIDH, dell’Ufficio del Difensore civico boliviano e di altre organizzazioni per i diritti umani, di condannare in modo inequivocabile la sistematica violazione dei diritti dei cittadini, la brutale repressione, ecc. e di preparare con urgenza un rapporto sulla situazione dei diritti umani in Bolivia.

Vi esortiamo inoltre a continuare a denunciare questo colpo di Stato compiuto davanti a tutti gli organismi internazionali, alla stampa e alle autorità di tutti gli Stati del mondo.

CONDIVIDI