Home Attualità Diritti civili + Antiproibizionismo Morbo della censura: comunisti esclusi ossessivamente
Morbo della censura: comunisti esclusi ossessivamente PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 05 Maggio 2015 23:38

Ieri sera è andato in onda su RSI La2 il programma “60 minuti”, ruotante attorno al tema “Ticino, l'agenda dei giovani”. Alla trasmissione hanno presenziato gli esponenti di alcuni movimenti politici giovanili ticinesi.

Alla Gioventù Comunista (GC), però, non è stato rivolto alcun invito a partecipare: con questo siamo al secondo oscuramento televisivo.

La stessa cosa, infatti, era avvenuta nel marzo 2014, sempre in occasione di “60 minuti”: in studio erano presenti alcuni giovani politici per dibattere del ruolo dei giovani nella politica, ma tra di essi nessun comunista.

Questa sistematica censura, oltre ad essere altamente offensiva, è anche e soprattutto il risultato di un uso politicamente strumentale dei mezzi comunicativi, lontano anni luce da quelli che dovrebbero esseri gli obiettivi di un servizio pubblico. In base agli interessi politici prevalenti, evidentemente, si decide a tavolino quali volti giovani (?) è utile far emergere. E così, i comunisti, che dispongono di una presenza giovanile non virtuale, costruita in anni di duro lavoro sul territorio cantonale, vengono bellamente esclusi.

Ribadiamo, alla luce di questi accadimenti, la necessità di un'informazione libera e imparziale, fondamento di un confronto sano e costruttivo tra (tutte!) le parti politiche.

Gioventù Comunista della Svizzera Italiana

 

 

I nostri video:

Corso di formazione economica: Bentornato Marx!

Primo Maggio 2013

Primo Maggio 2012

Primo Maggio 2011 - ADESSO S.E.S.S.O.!

Primo Maggio 2010



La GC su: 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps hosting Valid XHTML and CSS.