No ai miliardi per gli aerei da combattimento

    155
    • Version
    • Scarica 15
    • Dimensioni file 214.73 KB
    • File Count 1
    • Data di Pubblicazione 30 Gennaio 2020
    • Ultimo aggiornamento 30 Gennaio 2020

    No ai miliardi per gli aerei da combattimento

    UNO SPRECO DI SOLDI PUBBLICI

    L’acquisto previsto dei nuovi aerei da combattimento è un assegno in bianco dal costo di 6 miliardi di franchi – considerando l’intero periodo d’uso la spesa a carico della popolazione svizzera ammonta addirittura a 24 miliardi di franchi. Soldi che mancheranno nella formazione, nella sanità oppure nella lotta al cambiamento climatico. No a questo spreco di soldi pubblici!

    INUTILI

    È ovvio che le capacità della polizia aerea della Svizzera devono venir garantiti anche in futuro, ma per fare ciò basterebbe procurarsi dei jet leggeri, dal costo ben inferiore rispetto a questi jet di lusso. Jet leggeri che sarebbero anche migliori dal profilo dell’inquinamento atmosferico e fonico. Purtroppo un simile concetto alternativo non è neanche stato analizzato dal Dipartimento della difesa.

    CATASTROFICI DAL PROFILO AMBIENTALE

    Il cambiamento climatico è indubbiamente la più grande sfida dell’umanità. In considerazione di ciò l’acquisto di nuovi aerei da combattimento costosi e fortemente inquinanti è insensato – anche perché non ci aiuteranno in alcun modo a combattere l’emergenza climatica.

    CONDIVIDI