Il Partito Comunista esprime la propria solidarietà all’azione dimostrativa del Sindacato Svizzero dei Mass Media (SSM) che si svolgerà domani 19 dicembre presso gli stabilimenti televisivi di Comano in merito al piano occupazionale ed economico nel caso dell’accettazione dell’iniziativa “NO Billag” in votazione il prossimo 4 marzo 2017.

Dobbiamo riprendere in mano il destino del servizio pubblico: dopo anni di privatizzazioni, smantellamenti e tagli, è giunto il momento di invertire la rotta. Estendere i servizi pubblici è una priorità e rimettere sul tavolo la parola “nazionalizzazione” non deve essere un tabù, ma al contrario una precisa azione a favore dell’economia nazionale e della collettività.

CONDIVIDI