Priorità è sindacalizzare i giovani e rafforzare la Federazione Sindacale Mondiale!

I comunisti difendono le posizioni del sindacalismo di classe e anti-imperialista anche in Svizzera!

132

In occasione della 108a Conferenza Internazionale del Lavoro, svoltasi a Ginevra lo scorso giugno, hanno avuto luogo numerosi eventi per celebrare il centenario dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL), l’agenzia ONU fondata nel 1919. Alcuni eventi erano promossi dalla Federazione Sindacale Mondiale (FSM), la storica organizzazione internazionale che riunisce i sindacalisti di classe, rivoluzionari e anti-imperialisti con cui collaborano anche nostri militanti. 

Come ha spiegato il segretario politico del Partito Comunista, Massimiliano Ay: “è fondamentale che anche i nostri più giovani militanti facciano queste esperienze a contatto con alcuni dei più prestigiosi sindacalisti del mondo: da Cuba al Vietnam, dal Portogallo al Venezuela passando dall’Iran. C’è molto da imparare e da capire, senza spocchia e settarismi ideologici, e questi eventi permettono di uscire dall’eurocentrismo cui spesso siamo ridotti anche a sinistra. Il Partito Comunista ha dato un forte impulso al sindacalismo studentesco in questi anni, ora occorre gradualmente contribuire di più al sindacalismo di classe nel nostro paese rafforzando anzitutto la presenza della FSM”.

Non ci sfugge che l’OIL sia sorta al termine della prima guerra mondiale su volontà dei governi borghesi per arginare le spinte rivoluzionarie che i disordini sociali ampiamente diffusi avrebbero potuto provocare. Ciononostante essa riuscì comunque a migliorare le condizioni di lavoro e di tutela sindacale, anche perché l’influenza dell’Unione Sovietica, della Repubblica Popolare Cinese e degli altri paesi socialisti era considerevole. Come ha però ricordato il Segretario generale della Federazione Sindacale Mondiale (FSM) George Mavrikos nel suo discorso nell’assemblea plenaria, con il collasso del blocco sovietico la situazione è però drasticamente mutata e i rapporti di forza anche all’interno dell’OIL si sono pesantemente sbilanciati.

Come ogni anno anche il Partito Comunista era presente a Ginevra con una qualificata delegazione che includeva anche i vertici della Gioventù Comunista e il coordinatore del sindacato SISA. Anzitutto i nostri compagni hanno preso parte alla seduta allargata del Consiglio presidenziale della FSM, nell’ambito della quale si è stati aggiornati sul prossimo traguardo dei 100 milioni di lavoratori aderenti e del continuo sviluppo della stessa nei paesi emergenti. Estremamente interessante però il fatto che anche intere federazioni della Confederazione Generale del Lavoro di Francia (CGT) stanno spingendo l’importante sindacato francese ad abbandonare la pro-atlantica Confederazione Sindacale Internazionale (CSI) per rientrare nella FSM. Accanto a queste note rallegranti, si è dovuto registrare l’omicidio di oltre 600 sindacalisti colombiani in tre anni con la complicità del governo, e i continui attacchi guerrafondai e imperialisti contro Cuba, Venezuela, Siria, ecc. che colpiscono anzitutto la classe operaia delle nazioni che vogliono ribellarsi al dominio neo-coloniale.

La nostra delegazione ha in seguito assistito alla conferenza dal titolo “Gioventù e sindacati”, dove ha preso la parola anche il nostro compagno Zeno Casella, coordinatore del SISA. La discussione verteva sulla questione del rapporto fra giovani e organizzazioni sindacali, da tempo prioritaria nell’agenda della FSM. Come ha ricordato il coordinatore del comitato giovanile della federazione Emil Olsen, i giovani lavoratori sono fra le principali vittime delle aggressioni imperialiste (che li costringono ad emigrare in massa verso i paesi occidentali) e delle riconfigurazioni del sistema produttivo globale (che determinano il precariato oltre che la disoccupazione). La sindacalizzazione dei giovani lavoratori e il ringiovanimento delle strutture sindacali vengono quindi considerati quali ambiti strategici sul piano internazionale e questo compito anche il Partito Comunista è chiamato a operare in Svizzera.


Costituita la sezione giuridica della Federazione Sindacale Mondiale

CONDIVIDI