A differenza di altri Cantoni svizzeri, in Ticino la legge fiscale sancisce che l’imposta sull’utile delle società di capitali e le cooperative non sia progressiva. Essa è cioè slegata dal profitto effettivamente realizzato. La stessa situazione la troviamo anche per quanto concerne l’imposta sul capitale.

L’art. 127 cpv. 2 della Costituzione federale chiarisce invece che l’imposizione deve avvenire secondo la capacità economica. Tale principio è secondo noi disatteso: il Partito Comunista ritiene che la giustizia fiscale sia un tema di fondamentale importanza per una società democratica e in cui la responsabilità sociale non sia solo uno slogan.

Per questo abbiamo depositato, tramite il nostro deputato in Gran Consiglio, due iniziative parlamentari generiche e complementari che chiedono l’introduzione di un’aliquota progressiva sui profitti (leggi) e sul capitale (leggi) delle persone giuridiche: questa riforma andrebbe a favore soprattutto dei piccoli imprenditori.

CONDIVIDI